Fondazione UniversiCà

Con lo sguardo al futuro… imparando dalla tradizione

Il pane nero di Coimo

Il pane nero di Coimo, un tempo comune autonomo e oggi frazione di Druogno, è riconosciuto come uno dei prodotti tipici più ricercati della Val Vigezzo e dell’intera Ossola, tanto da aver ottenuto il marchio Dop (Denominazione di Origine Protetta),  tutela che viene concessa solo agli alimenti le cui caratteristiche qualitative dipendono essenzialmente dal territorio in cui sono prodotti.

Attualmente a Coimo un panificatore mantiene viva tale tradizione di eccellenza alimentare. Questo pane, dalla pasta bruna e dalla crosta marrone, un tempo veniva prodotto utilizzando la farina di grano saraceno, cereale allora coltivato nella valli ossolane, mentre oggi si impasta con farina di segale integrale con una piccola aggiunta di frumento, acqua, sale e lievito madre naturale.

E' un pane rustico, dalla crosta marrone scura e dalla pasta bruna con una pezzatura di 7-8 etti per forma.

In passato la produzione di questo tipo di pane aveva una sua ovvia motivazione economica, dovuta al fatto che la farina bianca di frumento, prodotta in pianura, con il suo costo trasformava in un lusso per pochi il consumo di questo cibo.

In Vigezzo, come in altre zone di montagna, il pane veniva cotto solo un paio di volte all’anno nei forni comunitari: ecco perché la giornata destinata alla panificazione era anche un momento carico di significati rituali e augurali.

La produzione del cosiddetto “crescenzin”  – tuttora in uso – trae origine dall’abitudine di sfruttare il calore del forno dopo la cottura delle forme di pane e accompagna quindi la panificazione: all’impasto avanzato, si aggiungono uva passa e noci, andando a sfornare una sorta di gustoso pan dolce.

 

adidas gents fp design polo
Isabel marant schuheBest Fashion Secret For Men
email
Share